« vai al numero in edicola »

Rivista 112_Bergamo 900. L'exhibition design_Narrazioni immersive

Bergamo 900 - L'EXHIBITION DESIGN

NARRAZIONI IMMERSIVE

Un museo è innanzitutto una grande macchina della memoria collettiva. Un deposito di documenti e di opere, di oggetti e di reperti, di parole e di cose che raccontano una storia corale. Il museo è un organismo vivo e, dunque, nel corso del tempo, la sua forma muta, talvolta anche radicalmente, ma resta sempre la sua natura di teatro della memoria. [...] Partendo da queste considerazioni è nato e si è sviluppato il progetto Bergamo 900. Un museo che già nell’insegna espone due termini fortemente identitari. Uno geografico e sociologico che indica, come scena e contesto della narrazione, un territorio e il suo habitat culturale. L’altro cronologico che fa riferimento al “secolo breve”: il Novecento, un periodo storico cruciale non solo per Bergamo, ma per tutto il Paese e per la nostra Europa. Un secolo di grandi trasformazioni. Un secolo di lutti e di conquiste, di tragedie e di crescita sociale ed economica. Un secolo in cui i documenti d’archivio sono aumentati in modo esponenziale grazie alla fotografia, al cinema, alla radio e alla diffusione della stampa: mezzi di comunicazione che ci hanno lasciato in eredità il compito non facile di comporre ed esporre un colossale palinsesto di storie, di avvenimenti, di eventi e di vicende da interpretare e condividere. [...] (Giuliano Corti)