« vai al numero in edicola »

Rivista 112_Bergamo 900. I fatti_Un artista e il Papa del Concilio

Bergamo 900 - I FATTI

UN ARTISTA E IL PAPA DEL CONCILIO

«Giornata di spirituale riposo mattutino. Sola digressione un’ultima seduta in biblioteca innanzi al buon Manzù che prepara il mio busto. Penso che il contatto possa riuscire profittevole e incoraggiante al suo spirito». Così, il 16 giugno 1960, Giovanni XXIII annotava l’incontro con lo scultore incaricato di ritrarlo nel bronzo.
La committenza affondava le radici nella comune origine bergamasca: ancora patriarca di Venezia, il 6 settembre 1956, Roncalli l’aveva scoperta in occasione del primo incontro lagunare con Manzù, nel quale riconobbe il figlio del sacrestano della chiesa di Sant’Alessandro in Colonna, Angelo Manzoni, che lo aveva cinquant’anni prima accompagnato nella predicazione su quel pulpito parrocchiale. Da questo ricordo nacque l’amicizia documentata nel volume di Curtis Bill Pepper, Un artista e il Papa, edito da Mondadori nel 1968, che ne ripercorre gli sviluppi dopo l’elezione pontificale di Roncalli [...] (Federico Mazzei)